domenica , marzo 26 2017
Home / Fertilità e ovulazione / Dosaggi ormonali maschili: quali fare se si cerca un bimbo
dosaggi ormonali maschili

Dosaggi ormonali maschili: quali fare se si cerca un bimbo

La ricerca di una gravidanza che non arriva può essere un percorso lungo, difficoltoso e impegnativo dal punto di vista fisico e psicologico.

Fortunatamente spesso è possibile individuare eventuali problemi con semplici esami di routine, prescritti dal ginecolo per la donna, dall’andrologo per l’uomo o più semplicemente dal medico di base.

I primi esami che vengono consigliati sono solitamente lo spermiogramma e i dosaggi ormonali maschili per l’uomo e i dosaggi per gli ormoni femminili per la donna.

Lo spermiogramma

Lo spermiogramma è l’esame del liquido seminale che identifica la quantità e la qualità degli spermatozoi. Vengono valutati 3 elementi: la quantità di spermatozoi, la loro forma (morfologia)  e la loro capacità di muoversi (motilità). Inoltre viene analizzato il volume dell’eiaculato, il suo pH e il tempo che ci mette diventare fluido. Tutti questi parametri devono rientrare in alcuni valori di riferimento per dare un quadro completo della qualità dello sperma. L’interpretazione di uno spermiogramma non è sempre univoca può cambiare da laboratorio a laboratorio e seconda delle tecniche di analisi utilizzate.

In generale un eiaculato di buona qualità dovrebbe avere:

  • Volume: 1,5 – 5 ml;
  • pH: 7,2 – 8;
  • Viscosità: nella norma;
  • Fluidificazione: nella norma;
  • Quantità di spermatozoi: maggiore di 20 milioni per millimetro cubo;
  • Morfologia: almeno il 30% di forme normali;
  • Motilità: dopo 2 ore dall’eiaculazione almeno il 60% di spermatozoi con motilità rettilinea.

 

Il referto di uno spermiogramma non ottimale potrebbe riportare alcune delle seguenti diciture:

  • ipospermia: volume dell’eiaculato scarso (minore di 1,5 ml)
  • iperspermia: volume dell’eiaculato eccessivo (maggiore di 6 ml)
  • aspermia: assenza di liquido seminale
  • azoospermia: assenza di spermatozoi nell’eiuaculato
  • oligozoospermia: spermatozoi in quantità insufficiente;
  • astenozoospermia: spermatozoi con motilità progressiva insufficiente
  • teratozoospermia: elevata presenza di forme anomale di spermatozoi.

Per verificare che i dati di uno spermiogramma non ottimale siano veritieri è necessario ripetere l’esame ad 1-2 mesi di distanza; infatti esistono fattori di disturbo che possono alterare il risultato quali l’assunzione di medicinali, febbre o il trasporto non corretto del seme al laboratorio.

Dosaggi ormonali maschili

I dosaggi ormonali maschili possono essere eseguiti in concomitanza con l’analisi dello sperma o successivamente, dopo aver appurato l’esistenza di un problema nella qualità dell’eiaculato.

Gli ormoni maschili analizzati attraverso un semplice prelievo di sangue sono: l’FSH (ormone follicolo stimolante), l’LH (ormone luteinizzante), il testosterone libero e il testosterone totale, la prolattina, DHEA (deidroepian-drosterone), TSH (ormone che stimola la tiroide), T3 e T4 (ormone tiroideo 3 e ormone tiroideo 4), FT3 e FT4 (ormone tiroideo 3 e 4  libero).

L’ormone più importante è il testosterone che è il protagonista della maturazione dei caratteri sessuali e dello sviluppo dei genitali. L’attività del testosterone è strettamente collegata alla presenza di altre proteine come ad esempio il DHEA deputato al trasporto del progesterone nel sangue.

Dosare il livello del testosterone nel sangue e di tutte le altre proteine coinvolte nella sua funzione, permette di stabilire se eventuali problemi di fertilità nella copia o di risultati anomali nello spermiogramma sono causati da un alterato valore nelle concentrazioni di questi ormoni.

L’interpretazione dei risultati in un dosaggio degli ormoni maschili non è semplice ed è bene venga fatto dal medico specializzato come un endocrinologo o un andrologo.

 

Associando il risultato dello spermiogramma con l’analisi degli ormoni maschili si ha un primo quadro generale sulla salute dell’apparato riproduttivo maschile.

About Erika Barison

Erika Barison
Mi chiamo Erika e sono una mamma innamorata del suo bimbo, una moglie innamorata di suo marito, una biologa innamorata del suo lavoro... Adoro aiutare le persone: se un po' del mio tempo speso per gli altri serve per dare una mano anche ad una sola persona, penso ne sia valsa la pena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *