domenica , luglio 23 2017
Home / Mamme / Gravidanza / Secondo trimestre di gravidanza – Sintomi, consigli, alimentazione
Secondo trimestre di gravidanza - Sintomi, consigli, alimentazione

Secondo trimestre di gravidanza – Sintomi, consigli, alimentazione

La gravidanza è il momento più delicato e, allo stesso tempo più felice, nella vita di una donna. In questo articolo sottolineeremo alcuni aspetti fondamentali della gravidanza, e in particolare, soffermeremo la nostra attenzione sul secondo trimestre di gravidanza che va dal quarto al sesto mese compreso, che in settimane si traduce dalla tredicesima alla ventiquattresima.

Quali sono i sintomi nel secondo trimestre di gravidanza

Il secondo trimestre di gravidanza, nella maggior parte dei casi, è quello più sereno di tutti i 9 mesi. Per esempio, tutte coloro che hanno sofferto di nausee e vomito potrebbero trovarsi, nel secondo trimestre di gravidanza, a dimenticarle. Purtroppo però non definitivamente, considerato che, in alcuni casi, gli stessi sintomi potrebbero riproporsi nel terzo trimestre fino alla fine della gravidanza. Comincerete adesso a interpretare al meglio gli sfarfallii che sentite nella pancia, molto simili a delle bollicine: sono proprio i movimenti del vostro bambino! Questo è il trimestre in cui potrete finalmente godere dei suoi movimenti, riconoscendoli perfettamente.

Cosa avviene nel tuo corpo durante il secondo trimestre di gravidanza

Il corpo si sta preparando alla crescita graduale del bambino nell’utero. La pancia cresce gradualmente. Comincerete a sentirvi un po’ ingombranti solo verso la fine del secondo trimestre. Se cominciate a sentire piedi e mani leggermente gonfi non allarmatevi, a meno che la sensazione di gonfiore non sia eccessiva. In tal caso mantenere controllata la pressione sanguigna e informate immediatamente il medico. Se si tratta di un gonfiore regolare, dovuto semplicemente al maggiore flusso di sangue nel vostro corpo, potrete alleviare il gonfiore dedicando una mezz’oretta di passeggiata all’aria aperta per riattivare la circolazione sanguigna. Naturalmente ricordate di indossare scarpe comode e larghe. Sempre per via del gonfiore ai piedi, potreste accorgervi che alcune scarpe che indossavate usualmente siano diventate strette. Evitate di usarle, piuttosto acquistatene un altro paio di una misura più grande: vi potrà servire fino alla fine della gravidanza. Il vostro peso continua gradualmente ad aumentare (indicativamente dai tre ai sei chilogrammi), anche per via delle voglia di mangiare che contraddistingue in questo periodo. Ricordate di non esagerare e di seguire una dieta varia e bilanciata. L’aumento di peso consigliata dopo il primo trimestre di gravidanza è in media di 1 kg al mese.

Lo sviluppo del bambino al secondo trimestre di gravidanza

Il bambino comincerà a conoscere il proprio corpo. Questo sarà il periodo in cui scoprirà in particolare le sue manine. Spesso, durante le ecografie potreste trovarlo con il pollice in bocca. Proverà i primi movimenti all’interno dell’utero, voltandosi e facendo capriole. Naturalmente questo sarà il periodo in cui lo sentirete più in movimento visto il grande spazio a sua disposizione all’interno dell’utero. Spazio che, man mano che la gravidanza andrà avanti, si ridurrà drasticamente. Alla fine del secondo trimestre il bambino peserà circa settecento grammi e raggiungerà una lunghezza pari a trenta centimetri.

Consigli per il secondo trimestre di gravidanza

Il secondo trimestre è il periodo più tranquillo dei tre trimestri. Ecco perché è consigliato stare serene, rilassarsi, evitare nervosismi e godersi al meglio la gravidanza. Parlate spesso con il vostro partner in merito ad alcuni dubbi e incertezze, ma anche delle vostre paure. Scambiatevi opinioni e vedrete che vi sentirete sempre bene. La sera rilassatevi vedendo un bel film e, durante la giornata ascoltate un po’ di musica classica. Oltre a far sentire più serene voi, riuscirà ad avere un impatto emotivo positivo anche sul vostro bambino. Questo è il periodo in cui potrete anche farvi un viaggetto sereno, naturalmente scegliendo i mezzi più adatti e, per quanto riguarda i viaggi più lunghi, calcolando anche delle fermate per sgranchirvi le gambe e svuotare la vescica che, vi accorgerete, sarà sempre piena! Se non potete uscire per passeggiare a piedi, riservatevi una mezz’oretta durante la giornata, per fare un po’ di esercizi fisici anche per ostacolare i dolori alla schiena che potrebbero emergere in questo periodo. In caso di dolori alla schiena, posizionate sempre un cuscino dietro la zona lombare.

Potete cominciare a pensare al nome che darete al vostro bambino considerato che, molto probabilmente conoscete già il sesso. Inoltre potreste anche cominciare a fare una lista delle cose che vi occorreranno per il bambino, a partire dalla degenza in ospedale.

L’alimentazione nel secondo trimestre di gravidanza

Per quanto riguarda l’alimentazione, esattamente come per il primo trimestre e per il terzo trimestre, assicuratevi che la carne sia sempre ben cotta, evitate alcol e le bevande a base di caffeina, evitare quindi tutte le carni che vanno consumate crude (affettati e insaccati crudi, tartare, roasbeef…), lavate sempre  molto bene verdure e frutta in particolare se venute a contatto con il terreno, per scongiurare la possibilità di contrarre la toxoplasmosi. E’ fondamentale che consumiate alimenti differenti per una dieta bilanciata che dia al vostro bambino il supporto alimentare più corretto. Non eccedete nelle quantità. E’ preferibile mangiare più volte al giorno piccole quantità di cibo così da poterle digerire più facilmente. Evitate di consumare cibi eccessivamente salati. Per maggiori informazioni, consulta l’articolo: Alimentazione in gravidanza mese per mese.

Esami da fare durante il Secondo trimestre di gravidanza

Tra gli esami importanti del secondo trimestre, oltre a quelli di routine sulla toxoplasmosi e delle urine, è possibile che il ginecologo vi prescriva la curva di carico glicemico, per valutare il metabolismo dello zucchero e per scongiurare l’insorgenza del diabete gestazionale. Essa consiste in 3 prelievi che vengono effettuati a distanza di un’ora l’uno dall’altro. In particolare viene effettuato il primo prelievo basale, subito dopo bisogna bere una soluzione di acqua e zucchero (75 grammi di glucosio), quindi attendere un’ora, ripetere ancora il prelievo, attendere un’altra ora per l’ultimo prelievo. Per maggiori informazioni, leggi di più sugli esami da effettuare nel secondo trimestre di gravidanza.

Che rischi si corrono nel secondo trimestre di gravidanza

Se la vostra gravidanza è stata sempre ben seguita e tranquilla, i rischi di un cambio di rotta sono di bassa probabilità. E’ fondamentale tenere sempre sotto controllo la gravidanza attraverso gli esami e le varie ecografie che vanno effettuate durante l’intera gravidanza. Attenzione all’ipertensione e al diabete gestazionale, che potrebbero portare ad una gestosi e di conseguenza alla nascita prematura del bambino.

Avere rapporti sessuali durante il secondo trimestre di gravidanza

Chi dice che avere rapporti sessuali durante la gravidanza nuoce al bambino, sbaglia! In questo periodo potrete avere i vostri rapporti sessuali in totale libertà, mantenendo certamente una passione meno sfrenata. In questo periodo la pancia non è ancora eccessivamente ingombrante, di conseguenza potreste farlo ancora comodamente. Successivamente potrebbe essere il vostro partner meno propenso, ma questo solamente perché, in cuor suo crede di nuocere a voi e al vostro bambino. Non si tratterà certamente di mancanza di attrazione da parte vostra! Le coccole e il vostro stato d’animo appagato farà bene sia alla coppia che allo stesso nascituro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *