giovedì , novembre 23 2017
Home / Benessere / Consigli per sopravvivere ad un viaggio in auto con i bambini
Consigli per sopravvivere ad un viaggio in auto con i bambini

Consigli per sopravvivere ad un viaggio in auto con i bambini

Consigli per sopravvivere ad un viaggio in auto con i bambini

Le vacanze estive sono vicinissime e noi, come ogni anno, ci dividiamo tra Sardegna e Salento dove ci aspettano i nostri parenti. Ma mentre in Sardegna si può scegliere solo tra aereo e nave, per andare in Salento abbiamo la possibilità di prendere l’auto e si sa, quando ci sono i bambini, un lungo viaggio diventa ancora più lungo e stancante. Ecco quindi alcuni piccoli trucchetti per sopravvivere ad un viaggio in auto con i bambini che a me tornano sempre utili, al quarto anno di collaudo ormai posso definirmi una veterana!

Anzitutto bisogna smentire la diceria che più i bambini sono piccoli e più è difficile viaggiare in auto. Al contrario, quando le bimbe erano molto piccole le cose erano decisamente più semplici. I neonati dormono tanto e, se si ha la fortuna di riuscire ad allattarli al seno, una volta che si attaccano se ne stanno buoni e sonnecchiano felici. I bimbi più grandi invece si stancano velocemente di stare seduti, hanno bisogno di continue attenzioni e frequenti soste per potersi sgranchire un po’ le gambette.

Regole di sopravvivenza

1- La prima regola è sicuramente quella di acquistare i seggiolini comodi in base a quelle che saranno le vostre necessità in viaggio. Esistono numerosi tipi di seggiolini diversi, fissi o reclinabili, con schienale, poggiatesta e via dicendo. Io ne ho uno fisso e reclinabile per la bimba piccola, mentre per quella più grande uso una seduta che, eventualmente, posso spostare per permetterle di sdraiarsi e usarlo come poggiatesta se volesse dormire.

2- Preparate in anticipo delle attività da fare in auto. Portatevi appresso dei giocattoli che non siano divisibili in blocchi, i bambini perdono sempre tutto in auto e per voi sarà impegnativo riuscire a recuperare un mattoncino lego da sotto al sedile. I giochi musicali o elettronici sono sicuramente i migliori, io do una bella carica al tablet il giorno prima e lo riempio di film e giochini in flash facili e divertenti. Di tanto in tanto andate nel sedile di dietro, se c’è abbastanza spazio, e giocate assieme a loro. In alterativa va bene anche un album da colorare, cercate però di assicurare i pastelli ad uno spago con un giro di nastro adesivo e legateli da qualche parte in modo che, anche se cadessero, sarebbe comunque facile recuperarli.

3- Incidete un cd con le canzoni preferite dai vostri bambini e cantate assieme a loro mentre lo ascoltate. La mia bimba di 4 anni è stonata come una campana (ha preso tutto dalla madre!) ma si diverte comunque da morire a cantare e noi genitori ci divertiamo a nostra volta sentendole fare degli acuti improponibili. Alcune volte pensa davvero di essere una superstar 😀

4- Organizzate il bagagliaio in modo da mettere in alto la roba che pensate potrebbe servirvi durante il viaggio, quindi asciugamani, vestiti di riserva, cuscini, coperte e via dicendo. Lasciate invece sul lunotto posteriore, a portata di mano, le cose che potrebbero servirvi più spesso, come salviette, tovaglioli di carta, degli spuntini e via dicendo. Io tengo dietro al sedile anteriore anche una piccola borsa frigo con acqua e bibite varie e della frutta fresca. Nel cofano, invece, tengo proprio il borsone con i panini e il necessario per un pranzo al sacco.

5- Programmate il viaggio includendo anche delle soste frequenti da almeno mezz’ora l’una per far giocare un po’ i bimbi nelle aree di sosta, fare delle soste al bagno e prendervi un caffè. Per la pausa pranzo, invece, prendete un po’ più tempo, almeno un’oretta ma anche qualcosa in più, in modo da non dovervi rimettere in viaggio con troppo peso sullo stomaco. Online potete trovare anche una lista con le aree di sosta autostradali attrezzate per far giocare i bambini.

6- Se avete dei bimbi che soffrono particolarmente l’auto, sistemate sui seggiolini un telo assorbente (quello per il cambio dei pannolini) e copritelo con un asciugamano. Portatevi dietro anche asciugamani di scorta, dell’acqua e una vaschetta da fargli tenere eventualmente sulle ginocchia o di fianco al sedile.

7- Non siate tirchi nelle aree di sosta, è vero che sono attrezzate in modo da far spendere soldi ai genitori, ma siate coscienti del fatto che i bambini stanno facendo qualcosa di molto più impegnativo rispetto a voi. Quindi, se vogliono quel giocattolo, cercate di accontentarli per quanto possibile. Comprate loro un gelato, delle caramelle o ciò che desiderano. I ricorderanno di questa lunga passeggiata come una festa e un momento in cui possono esaudire tutti i loro desideri.

Una volta che siete certi di aver pensato a tutto ciò di cui i bimbi potrebbero aver bisogno, non vi resta che pensare anche un po’ a voi stessi. E buon viaggio!

About Carla Medda

Carla Medda
L’essere diventata mamma per me è stata una grandissima opportunità di crescita personale e professionale. Il mio blog è la mia seconda anima, la vera essenza di me. Grazie a lui ho imparato tanto, sia sul lavoro che sulle relazioni personali. Un amico che, spero, mi accompagnerà ancora per tanti anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *